Per semplici richieste o suggerimenti contattateci cliccando quì (oppure utilizza il form sotto
),
specificando il quesito o la vostra richiesta e provvederemo a contattarvi al più presto per la risposta.

Acquisto di carburante 2018: dal 01/07/2018 obbligo di fatturazione elettronica

La Legge di Bilancio 2018 all'art. 1 comma 920 modifica le disposizioni di cui all'articolo 22, terzo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 introducendo il nuovo obbligo di fatturazione elettronica per gli acquisiti di carburanti effettuati dai soggetti passivi IVA:

« Gli acquisti di  carburante  per  autotrazione  effettuati
presso gli impianti stradali di distribuzione da  parte  di  soggetti
passivi dell'imposta sul valore aggiunto  devono  essere  documentati
con la fattura elettronica ».
Le suddette disposizioni, unitamente a quelle riguardante le nuove metodologie di pagamento per l'acquisto di carburante da parte dei soggetti IVA (vedi articolo a riguardo), saranno valide dal 01/07/2018 anticipando di qualche mese quello che sarà l'obbligo generalizzato della fatturazione elettronica B2B e B2C.
Il comma 921 della legge di Bilancio specifica inoltre che il suddetto obbligo di emettere fattura elettronica emerge solo se il soggetto titolare di partita Iva comunica al rivenditore che si sta facendo benzina nell'esercizio della propria attività e pertanto è obbligato a chiedere l’emissione di una fattura elettronica.

Acquisto di carburante da parte dei soggetti Iva: i mezzi di pagamento dal 01 luglio 2018 validi ai fini della detraibilità e deducibilità

Con il provvedimento 73203/2018 del 04/04/2018 l'Agenzia delle Entrate chiarisce le disposizioni introdotte dalla Legge di Bilancio 2018 in merito alla detraibilità dell’Iva e alla deducibilità delle spese relative all’acquisto di carburanti destinati ad aeromobili, natanti da diporto e veicoli stradali a motore.

Il predetto provvedimento dispone che i mezzi di pagamento per l’acquisto di carburanti e lubrificanti idonei a consentire la detraibilità Iva e la deducibilità della spesa da parte dell’operatore Iva a partire dal prossimo 1° luglio 2018 saranno tutte le forme di pagamento ad esclusione del contante ovvero 

  • bonifico bancario o postale
  • assegni
  • addebito diretto in conto corrente
  • carte di credito/debito e prepagate
Il provvedimento specifica inoltre che rientra tra le forme di pagamento consentite l'utilizzo delle c.d. “carte carburanti”, cioè quelle carte che vengono rilasciate agli operatori Iva dalla compagnia petrolifera che consentono il pagamento in un momento diverso rispetto alla cessione. 
Sono anche validi i buoni carburante che permettono alle imprese e ai professionisti di acquistare esclusivamente i carburanti e lubrificanti .
L’uso di questi strumenti è possibile solo se i pagamenti vengono effettuati in una delle modalità previste dal provvedimento stesso.

(Fonte Agenzia Entrate)

No al controllo massivo e alla conservazione senza limite delle email: il parere del Garante della Privacy

Nella newsletter n. 439 del 29 marzo 2018, l'Autorità Garante della Privacy ha confermato il suo No al controllo massivo e alla conservazione senza limite delle email.

La conferma sull'argomento in questione deriva da un parere del Garante in merito al trattamento dei dati personali effettuato sulle email aziendali dei dipendenti in violazione della normativa sulla protezione dei dati e di quella sulla disciplina lavoristica.
L’Autorità – intervenuta a seguito del reclamo di un dipendente – ha accertato che la società trattava in modo illecito i dati personali contenuti nelle email in entrata e in uscita, anche di natura privata e goliardica, scambiate dal lavoratore con alcuni colleghi e collaboratori. I dati raccolti nel corso di un biennio erano poi stati utilizzati per contestare un provvedimento disciplinare cui era seguito il licenziamento del dipendente poi annullato dal giudice del lavoro.

Nel disporre il divieto l’Autorità ha rilevato numerose e gravi violazioni. La società non ha infatti fornito ai dipendenti alcuna informazione su modalità e finalità di raccolta e conservazione dei dati relativi all’uso della posta elettronica, né con una informativa individualizzata né attraverso la policy aziendale. Un comportamento in contrasto con l’obbligo della società di informare i lavoratori riguardo alle caratteristiche essenziali dei trattamenti effettuati, comprese le operazioni che possono svolgere gli amministratori di sistema (ad es., accesso ai contenuti delle email). La società, inoltre, conservava in modo sistematico i dati esterni e il contenuto di tutte le email scambiate dai dipendenti per l’intera durata del rapporto di lavoro e anche dopo la sua interruzione, violando così i principi di liceità, necessità e proporzionalità stabiliti dal Codice privacy.

Il Garante, ha inoltre fornito alcune linee guida per una corretta gestione dell’email dei lavoratori: l’azienda avrebbe potuto agire in modo più efficiente e più rispettoso della riservatezza dei lavoratori predisponendo dei sistemi di gestione documentale in grado di individuare selettivamente i documenti che avrebbero dovuto essere via via archiviati. Inoltre – continua il Garante – la conservazione estesa e sistematica delle mail, la loro memorizzazione per un periodo indeterminato e comunque amplissimo nonché la possibilità per il datore di lavoro di accedervi per finalità indicate in astratto (ad es. difesa in giudizio, perseguimento di un interesse legittimo) consente il controllo dell’attività dei dipendenti. Controllo vietato dalla disciplina di settore che non autorizza, anche dopo le modifiche del Jobs Act, verifiche massive, prolungate e indiscriminate. Il datore di lavoro infatti pur potendo controllare l’esatto adempimento della prestazione e il corretto uso degli strumenti di lavoro deve sempre salvaguardare la libertà e la dignità dei dipendenti.

Ingiustificata, in particolare, la raccolta a priori di tutte le email in vista di futuri ed eventuali contenziosi, il Garante ha ribadito infatti che la conservazione deve riferirsi a contenziosi in atto o a situazioni precontenziose e non a ipotesi astratte e indeterminate. Il Garante ha ritenuto, infine, non conforme alla legittima aspettativa di riservatezza della corrispondenza l’accesso della società alle email in ingresso sull’account aziendale dopo il licenziamento del lavoratore. Al cessare del rapporto di lavoro la casella di posta elettronica deve essere disattivata e rimossa e al suo posto di devono attivare eventuali account alternativi.

Fonte: Garante per la protezione dei dati personali
Contributo (fonte): Dottrina Lavoro

i